Partenariati per proteggere la fauna marina dell'Africa

Campagne contro la pesca illegale

Campagne contro la pesca illegale
Le nuove linee del fronte della conservazione marina

Dal 2016, Sea Shepherd Global collabora con le autorità nazionali e i partner regionali per combattere la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (alias "INN") e la criminalità nel settore della pesca nelle acque africane. Campagne di successo sono già state condotte in collaborazione con le autorità di Gabon, São Tomé & Princípe, Liberia, Benin, Namibia e Tanzania. Leggi di più qui sotto per scoprire perché la pesca illegale è diventata una delle maggiori minacce per la salute dei nostri oceani, oppure clicca sul link qui per saperne di più su ciascuna delle campagne di azione diretta che si svolgono nelle acque costiere africane.

Per saperne di più sui nostri partenariati
Storia delle campagne contro la pesca illegale
Rogues Gallery (galleria dei furfanti)

La Rogues Gallery è l'elenco delle navi arrestate o multate durante le operazioni congiunte di Sea Shepherd con le autorità nazionali dall'inizio delle nostre campagne contro la pesca illegale in Africa nel 2016.

Vedi l'elenco
La nostra missione per fermare la pesca illegale
Difendere, conservare e proteggere le acque costiere africane

La storica missione di Sea Shepherd, ovvero difendere, conservare e proteggere i nostri oceani in tutto il mondo, ci ha portato in prima linea nella conservazione del mare: la lotta contro la pesca illegale in Africa. Sea Shepherd Global ha formalmente sottoscritto il nostro Impegno Volontario #17190 - Partenariato con gli Stati costieri africani per sradicare la pesca INN nelle loro acque sovrane entro il 2020 - alla Conferenza oceanica delle Nazioni Unite del giugno 2017 per l'attuazione dell'Obiettivo 14 dello Sviluppo Sostenibile. Dal primo partenariato di Sea Shepherd in Gabon nel 2016, le campagne sono cresciute fino a comprendere quattro Stati costieri africani, con piani per espandere ulteriormente i nostri sforzi laddove necessario per riuscire a sradicare il flagello della pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN).

Clicca qui per vedere l'Impegno volontario delle Nazioni Unite di Sea Shepherd
Perché combattiamo la pesca INN
Cosa c'è in gioco nelle acque africane

La ricca biodiversità della costa africana fornisce un habitat vitale a una vasta gamma di specie marine. Dalla rete di aree marine protette del Gabon, creata di recente, alle mangrovie in via di estinzione della Tanzania, queste acque ospitano molte specie di tonni, tartarughe liuto, squali martello, mante e specie migratorie come squali balena, uccelli, megattere, focene e balenottere di Eden. Purtroppo, le acque di molti Stati costieri e insulari africani sono afflitte dalla pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN). La maggior parte delle persone sa che gli elefanti, i rinoceronti e i gorilla simbolo dell'Africa hanno bisogno di protezione dai bracconieri, ma pochi si rendono conto che le attività di pesca illegale stanno spazzando via anche la preziosa fauna marina africana.

Per saperne di più (in inglese)
Our ApproachIl nostro approccio
Come aiutiamo a combattere la pesca illegale

La chiave per fermare la pesca INN è il monitoraggio, il controllo e la sorveglianza - in particolare l'applicazione delle leggi e dei regolamenti esistenti che proteggono la fauna marina, le persone e l'ambiente. Tuttavia, molti Stati costieri e insulari africani non dispongono attualmente di navi pattuglia offshore in grado di coprire tutte le loro acque. Sea Shepherd è l'unica organizzazione che fornisce navi civili di pattuglia offshore (COPV) di modo che le autorità dei paesi partner possano far rispettare le leggi sulla pesca e sulla conservazione nelle loro acque sovrane.

Per saperne di più sui nostri partenariati (in inglese)
Video di Sea Shepherd Global
Una selezione di video delle nostre campagne contro la pesca illegale
Teilen
Wir brauchen deine Unterstützung

Handle jetzt für die Ozeane!